Aggiungi ai Tuoi preferiti  
Speciale 2 novembre 2017
Commemorazione dei defunti

Al momento ci sono
Contatore ForumForYou utenti on line
 
 
Yes You Can

Ti trovi in : Home - Festività Italiane - Speciale 2 novembre 2017 Commemorazione dei defunti

Pubblicizzati su Forumforyou.it (PR5)



Commemorazione dei defunti
La festa dei morti (in latino Commemoratio Omnium Fidelium Defunctorum, ossia Commemorazione di Tutti i Fedeli Defunti), è una ricorrenza della Chiesa cattolica che si celebra il 2 novembre di ogni anno
.

Se volete contribuire a rendere ancor più ricca questa sezione potrete inviarci le vostre frasi, video o immagini via email, Facebook o Twitter. Grazie in anticipo. ForumForYou.it TEAM


Commemorazione dei defunti

Il 2 novembre è il Giorno dei morti. Giorno riservato nella Chiesa Cattolica Romana alla commemorazione dei fedeli defunti.

La celebrazione si basa sulla dottrina che le anime dei fedeli che alla morte non si sono purificate dai peccati veniali, o non hanno espiato le colpe passate, non possano raggiungere la Visione Beatifica, e che possano essere aiutate a conseguirla mediante la preghiera e il sacrificio della messa.

Alcune credenze popolari relative al Giorno dei morti sono di origine pagana e d'immemore antichità. Così i contadini di molti paesi cattolici credono che quella notte i morti tornino nelle loro case precedenti e si cibino degli alimenti dei vivi”.

In Italia è consuetudine, nel giorno dedicato al ricordo dei defunti, visitare i cimiteri locali e portare in dono fiori e lumini sulle tombe dei propri cari.

In molte località italiane è diffusa l'usanza di preparare alcuni dolciumi, chiamati infatti dolci dei morti, per celebrare la giornata.

Scopriamo le tradizioni, gli usi e i costumi di questa giornata particolare in Italia

In alcune zone della Lombardia, la notte tra l'1 e il 2 novembre molte persone mettono in cucina un vaso di acqua fresca per far dissetare i morti.

In Friuli si lascia un lume acceso, un secchio d’acqua e un po’ di pane.

In Trentino le campane suonano per richiamare le anime. Dentro casa viene lasciata una tavola apparecchiata e il focolare accesso per i defunti. Lo stesso capita in Piemonte e in Val d'Aosta.

In Liguria, vengono preparati i bacilli (fave secche) e i balletti (castagne bollite).

In Umbria si preparano gli stinchetti dei morti, dolci a forma di fave.

In Abruzzo, oltre al tavolo da pranzo apparecchiato, si lasciano tanti lumini accesi alla finestra quante sono le anime care. Ma era anche tradizione scavare e intagliare le zucche e inserire una candela all'interno e usarle come lanterne, proprio come ad Halloween.

A Roma la tradizione voleva che, il giorno dei morti, si tenesse compagnia ad un defunto consumando un pasto vicino alla sua tomba.

In Sicilia il 2 novembre è una festa con molti riti per i bambini. Se i più piccoli hanno fatto i buoni, riceveranno dai morti i doni che troveranno la mattina sotto il letto: si tratta di giochi ma soprattutto di dolci, come i pupi di zuccaro (le bambole di zucchero). Si preparano anche gli scardellini, dolci fatti di zucchero e mandorle (o nocciole) a forma di ossa dei morti e si mangia la frutta martorana, fatta di pasta di mandorle colorata. I risultati sono davvero incredibili e le vetrine delle pasticcerie uno spettacolo da vedere.

Commemorazione dei defunti



Aiutaci a farci conoscere anche solo
inserendo un semplice "Mi Piace" - Grazie






Segnala errore o Abuso